fbpx

La tua farmacia è più Microsoft o più Nokia?

Lo so, la domanda in apertura ti suonerà un po’ strana, tanto più che questo non vuole di certo essere un test di personalità come quelli delle riviste da spiaggia degli anni ’80.

Ti spiego subito quindi cosa centrano questi due colossi con la tua Farmacia. Iniziamo capendo meglio i percorsi delle due aziende negli anni.

 Microsoft è nata sui banchi dell’università da quello che, prima di dedicarsi alla filantropia, è stato per diversi anni l’uomo più ricco del mondo, Bill Gates. Poco più che ventenne, Gates fondò quella che presto sarebbe diventata l’azienda numero uno al mondo nel settore informatico.

A cosa deve Microsoft il suo successo? Alla capacità di Gates di riconoscere i punti di forza della concorrenza, anche quando questi contrastavano con la propria visione. Il sistema operativo da lui scritto originariamente non prevedeva alcuna “finestra”, solo scritte verdi su di uno schermo nero. Per lui il computer era questo. Chia non conosceva il linguaggio macchina, doveva dedicarsi ad altro. Quando però vide Xerox (principale concorrente nei primi anni ’80, prima della crescita di Apple) presentare un sistema operativo con oggetti grafici (finestre appunto) e quello strano dispositivo chiamato mouse, capì che quello era il futuro e lo fece suo. Nacque così il sistema operativo utilizzato quotidianamente da miliardi di persone, Microsoft Windows.

Nokia invece, nata nell’ottocento come azienda produttrice di carta, vive tra alti e bassi fino al 1991. Anno in cui il consiglio di amministrazione punta tutto sulla produzione di telefonia ed inaugura una nuova divisione: Nokia Mobile Phones. Da qui l’ascesa inarrestabile dell’azienda che passa in breve tempo da 21 a 70 miliardi di dollari di capitalizzazione. Fino al 2007. Anno in cui un certo Steve Jobs, presentò l’IPhone. Dispositivo che Nokia non è mai riuscita a contrastare e che l’ha portata in brevissimo tempo a dover licenziare migliaia e migliaia di persone, ma soprattutto a ritrovarsi con un valore dello 0,5% di quei 70 miliardi di quotazione degli anni d’oro.

Il motivo di questo fallimento? L’incapacità di cogliere le richieste del mercato, il volersi fossilizzare sulle proprie convinzioni, senza nemmeno testare nuove soluzioni. Il rimanere tranquillamente sulle proprie decisioni nonostante fossero in netto contrasto con quello che chiedeva il mercato. “I manager erano più preoccupati di perdere la loro reputazione all’esterno che di ammettere che una strada era palesemente sbagliata.” Questa affermazione è la sintesi di quello che risulta dal report di Insead Knowledge (magazine di settore) che ha ascoltato 76 persone, tra cui top manager e ingegneri della compagnia e consulenti esterni che hanno lavorato nell’azienda negli ultimi dieci anni.

Torniamo quindi alla domanda di apertura. Nella tua Farmacia, utilizzi una mentalità “alla Bill Gates” capendo cosa di buono stanno già facendo i tuoi colleghi oppure rigetti qualsiasi novità come i manager di Nokia?

Pensiamo per esempio al distributore automatico. Fino ad oggi hai vissuto tranquillamente senza o tutt’al più con un semplice (ed anche un po’ bruttino, diciamocelo) distributore di preservativi che da vedere poco centra con l’immagine di una Farmacia.

Ma questa scelta è assolutamente condivisibile. I distributori automatici per Farmacia che non sembrino quelli che vediamo anche nei bagni dell’autogrill costano una fucilata, uno sproposito se pensiamo a quanto potrebbero incassare in un paese con un bacino di utenza ridotto. Qui non siamo in una grande città.

 

E se ti dicessi che hai la possibilità di pensare “alla Bill Gates” senza rischiare migliaia e migliaia di euro?

 

Oggi infatti, grazie alla campagna messa in campo da Pharmashop24, puoi avere un distributore automatico per farmacia degno di questo nome. Ricondizionato pari al nuovo, con formula noleggio e con libertà di restituirlo dopo 6 mesi.

 

“Cioè mi state dicendo che avrò il distributore gratis per sei mesi?!”

Non esattamente. Non vi è alcun costo iniziale, nemmeno di trasporto o installazione. È tutto a carico nostro. Nessuna penale di recesso dal settimo mese.

Richiedi il distributore, si concorda il canone di locazione dei primi sei mesi in base al modello scelto, te lo installiamo e, se non sei soddisfatto, il settimo mese veniamo a riprendercelo. A nostre spese e senza fare domande.

 

“Perché proprio sei mesi?”

Sei mesi sono il periodo necessario ai tuoi clienti per notare il nuovo distributore ed iniziare ad utilizzarlo. Averlo per un periodo inferiore inficerebbe l’opinione che ti faresti sulle performance dell’apparecchio.

 

“Siete talmente certi che il distributori soddisfi le esigenze della mia Farmacia e dei miei clienti da non chiedere nessun costo di installazione né di ritiro se decidessi di disdire? Dov’è la fregatura?”

Domanda lecita, ma nessuna fregatura. La risposta ce la danno quotidianamente i nostri clienti, come testimonia il video ad inizio pagina

 

“Sono convinto, voglio richiedere un contatto per valutare l’installazione di un distributore automatico PharmaShop24 nella mia Farmacia”

Per non rimanere escluso dai vantaggi messi a disposizione da PharmaShop24, hai 3 possibilità: Compilare il form qui sotto, telefonare o scrivere via Whatsapp

La tua farmacia è più Microsoft o più Nokia?

Lo so, la domanda in apertura ti suonerà un po’ strana, tanto più che questo non vuole di certo essere un test di personalità come quelli delle riviste da spiaggia degli anni ’80.

Ti spiego subito quindi cosa centrano questi due colossi con la tua Farmacia. Iniziamo capendo meglio i percorsi delle due aziende negli anni.

 Microsoft è nata sui banchi dell’università da quello che, prima di dedicarsi alla filantropia, è stato per diversi anni l’uomo più ricco del mondo, Bill Gates. Poco più che ventenne, Gates fondò quella che presto sarebbe diventata l’azienda numero uno al mondo nel settore informatico.

A cosa deve Microsoft il suo successo? Alla capacità di Gates di riconoscere i punti di forza della concorrenza, anche quando questi contrastavano con la propria visione. Il sistema operativo da lui scritto originariamente non prevedeva alcuna “finestra”, solo scritte verdi su di uno schermo nero. Per lui il computer era questo. Chia non conosceva il linguaggio macchina, doveva dedicarsi ad altro. Quando però vide Xerox (principale concorrente nei primi anni ’80, prima della crescita di Apple) presentare un sistema operativo con oggetti grafici (finestre appunto) e quello strano dispositivo chiamato mouse, capì che quello era il futuro e lo fece suo. Nacque così il sistema operativo utilizzato quotidianamente da miliardi di persone, Microsoft Windows.

Nokia invece, nata nell’ottocento come azienda produttrice di carta, vive tra alti e bassi fino al 1991. Anno in cui il consiglio di amministrazione punta tutto sulla produzione di telefonia ed inaugura una nuova divisione: Nokia Mobile Phones. Da qui l’ascesa inarrestabile dell’azienda che passa in breve tempo da 21 a 70 miliardi di dollari di capitalizzazione. Fino al 2007. Anno in cui un certo Steve Jobs, presentò l’IPhone. Dispositivo che Nokia non è mai riuscita a contrastare e che l’ha portata in brevissimo tempo a dover licenziare migliaia e migliaia di persone, ma soprattutto a ritrovarsi con un valore dello 0,5% di quei 70 miliardi di quotazione degli anni d’oro.

Il motivo di questo fallimento? L’incapacità di cogliere le richieste del mercato, il volersi fossilizzare sulle proprie convinzioni, senza nemmeno testare nuove soluzioni. Il rimanere tranquillamente sulle proprie decisioni nonostante fossero in netto contrasto con quello che chiedeva il mercato. “I manager erano più preoccupati di perdere la loro reputazione all’esterno che di ammettere che una strada era palesemente sbagliata.” Questa affermazione è la sintesi di quello che risulta dal report di Insead Knowledge (magazine di settore) che ha ascoltato 76 persone, tra cui top manager e ingegneri della compagnia e consulenti esterni che hanno lavorato nell’azienda negli ultimi dieci anni.

Torniamo quindi alla domanda di apertura. Nella tua Farmacia, utilizzi una mentalità “alla Bill Gates” capendo cosa di buono stanno già facendo i tuoi colleghi oppure rigetti qualsiasi novità come i manager di Nokia?

Pensiamo per esempio al distributore automatico. Fino ad oggi hai vissuto tranquillamente senza o tutt’al più con un semplice (ed anche un po’ bruttino, diciamocelo) distributore di preservativi che da vedere poco centra con l’immagine di una Farmacia.

Ma questa scelta è assolutamente condivisibile. I distributori automatici per Farmacia che non sembrino quelli che vediamo anche nei bagni dell’autogrill costano una fucilata, uno sproposito se pensiamo a quanto potrebbero incassare in un paese con un bacino di utenza ridotto. Qui non siamo in una grande città.

 

E se ti dicessi che hai la possibilità di pensare “alla Bill Gates” senza rischiare migliaia e migliaia di euro?

 

Oggi infatti, grazie alla campagna messa in campo da Pharmashop24, puoi avere un distributore automatico per farmacia degno di questo nome. Ricondizionato pari al nuovo, con formula noleggio e con libertà di restituirlo dopo 6 mesi.

 

“Cioè mi state dicendo che avrò il distributore gratis per sei mesi?!”

Non esattamente. Non vi è alcun costo iniziale, nemmeno di trasporto o installazione. È tutto a carico nostro. Nessuna penale di recesso dal settimo mese.

Richiedi il distributore, si concorda il canone di locazione dei primi sei mesi in base al modello scelto, te lo installiamo e, se non sei soddisfatto, il settimo mese veniamo a riprendercelo. A nostre spese e senza fare domande.

 

“Perché proprio sei mesi?”

Sei mesi sono il periodo necessario ai tuoi clienti per notare il nuovo distributore ed iniziare ad utilizzarlo. Averlo per un periodo inferiore inficerebbe l’opinione che ti faresti sulle performance dell’apparecchio.

 

“Siete talmente certi che il distributori soddisfi le esigenze della mia Farmacia e dei miei clienti da non chiedere nessun costo di installazione né di ritiro se decidessi di disdire? Dov’è la fregatura?”

Domanda lecita, ma nessuna fregatura. La risposta ce la danno quotidianamente i nostri clienti, come testimonia il video ad inizio pagina

 

“Sono convinto, voglio richiedere un contatto per valutare l’installazione di un distributore automatico PharmaShop24 nella mia Farmacia”

Per non rimanere escluso dai vantaggi messi a disposizione da PharmaShop24, hai 3 possibilità: Compilare il form qui sotto, telefonare o scrivere via Whatsapp

“L’argomento mi interessa ma prima di richiedere un contatto vorrei capirne di più sul mondo dei distributori automatici per Farmacia”

Se preferisci approfondire autonomamente tutti gli aspetti da valutare in un distributore automatico prima del contatto con un nostro consulente, puoi richiedere la Guida al distributore automatico perfetto cliccando qui

“Non dispiacerti di ciò che non hai potuto fare, rammaricati solo di quando potevi e non hai voluto”

Mao Tse-tung

×